ALLENARE O FORMARE? scegliere il corso che fà per noi è la prima domanda da porsi

VOGLIO DIVENTARE UN ALLENATORE O UN FORMATORE?

Ad oggi e’ fondamentale conoscere le proprie
attitudini e le proprie aspettative rispetto ad un
percorso formativo che può’ esser universitario
federale o di qualsiasi altro genere.

Se stai pensando che il ruolo del MISTER potrebbe essere il tuo futuro allora dovresti farti questa domanda :

VOGLIO ALLENARE O FORMARE ?

  •  ALLENARE

Dare con l’esercizio lena, attitudine, capacità, vigore,
soprattutto per affrontare determinate prove o svolgere
determinate attività; in particolare, dirigere l’attività di
preparazione degli atleti alla disputa di una gara, o
guidarne gli esercizi per far sì che si mantengano nello
stato di forma:

  •  FORMARE

Riferito a persona (in genere, ad adolescenti), crescere
raggiungendo maturità di forme, giungere a maturità
intellettuale e morale. accompagnamento alla crescita
psico-fisica che deve avere le proporzioni regolari.
Nello Specifico Sportivo in eta’ evolutiva
formamentis Pedagogica Tecnica Fisica.

𝗟’𝗶𝗺𝗽𝗼𝘀𝘁𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲 𝗱𝗲𝗹 𝗖𝗼𝗿𝘀𝗼 𝗨𝗲𝗳𝗮 C
+ Competenze Pedagogiche/Ludiche
+ Competenze Programmazione
– Competenze Tattica Collettiva
+ Competenze Tecnica Individuale e Tattica Individuale
+ Competenze Metodo d’insegnamento

𝗟’𝗶𝗺𝗽𝗼𝘀𝘁𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲 𝗱𝗲𝗹 𝗖𝗼𝗿𝘀𝗼 𝗨𝗲𝗳𝗮 D
+ Competenze Comunicazione Generale
– Competenze Programmazione
+ Competenze Tattica Collettiva
– Competenze Tecnica Individuale e +/-Tattica Individuale
+/- Competenze Metodo d’insegnamento

I Modelli Comunicativi cambiano totalmente, la
flessibilità e la gestione della Comunicazione da parte
del Tecnico/Formatore si devono modificare in base alle
Macro Categorie quindi: Attività di Base, Attività
Agonistica,Prime Squadre.
Considerazioni finali
I Formatori considerati bravi che accrescono le loro
competenze di solito provano la scalata nelle prime
squadre , e’ questo e legato al valore
sportivo/culturale che la società attuale in qualche
modo definisce e che differenzia l’importanza delle
Prime Squadre dal Settore Giovanile in termini di
visibilità generale e possibilità di accrescere il
rimborso/stipendio.
Non e’ raro vedere anche un cambiamento nella
visione del Formatore /Tecnico che preferisce
utilizzare il solo linguaggio legato all’insegnamento
della Tattica Collettiva (vista come più’ interessante in
base anche alla considerazione sopra citata) più’ che
degli altri aspetti di Tattica e Tecnica
Individuale, considerati  silente-mente più impegnativi e
complessi.
(A cura di Gioele Pititu)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *