LE SOCIETÀ SPORTIVE PIÙ BLASONATE DELLA SARDEGNA | ASSOCIAZIONE CALCIO MONTEVECCHIO

                           

TRA LE SOCIETÀ’ PIÙ IMPORTANTI DELLA SARDEGNA SPICCA IL NOME DELL’ASSOCIAZIONE MONTEVECCHIO CALCIO

 

L’Associazione Calcio Montevecchio era una società calcistica frazione del comune di Guspini in Sardegna fondata nel 1925.

Disputò consecutivamente i primi quattro campionati di PROMOZIONE (dal 1948-49 al 1951-52) e i primi sei campionati di IV SERIE (dal 1952-53 al 1957-58), entrambi equivalenti all’odierna Serie D,

In sostanza era una squadra aziendale, cioè appartenente all’azienda mineraria che operava nella frazione guspinese, fatto non certo inusuale per l’epoca, visto che esistevano altre squadre simili in Sardegna come la vicina e tutt’oggi esistente (anche se di proprietà di privati) Monteponi iglesias la Monreale Italpiombi San Gavino anch’essa con un passato seppur breve nella IV Serie e la più recente Fersulcis anch’essa di iglesias (in seguito trasferitasi a San Giovanni Suergiu col nome Fermassenti).

Nonostante l’ottimo campionato nel 1957-58 in IV Serie, culminato con un 4º posto finale, il Montevecchio non venne iscritto alla stagione successiva.

 

  • 1946-47: 12° nella Prima Divisione Sarda.
  • 1947-48: 1° nella Prima Divisione Sarda. Promosso in Promozione.
  • 1948-49: 6º nel girone I di Promozione.
  • 1959-50: 3º nel girone I di Promozione.
  • 1950-51: 3º nel girone I di Promozione.
  • 1951-52: 5º nel girone I di Promozione, ammesso in IV Serie.
  • 1952-53: 7º nel girone F di IV Serie.
  • 1953-54: 6º nel girone G di IV Serie.
  • 1954-55: 11º nel girone F di IV Serie.
  • 1955-56: 6º nel girone F di IV Serie.
  • 1956-57: 13º nel girone F di IV Serie, inserito nei club di II Categoria.
  • 1957-58: 4º nel girone F di II Categoria di IV Serie.
  • 1958: l’azienda mineraria decide di non poter più supportare l’attività sportiva e la squadra viene sciolta.

(FONTE WIKIPEDIA)


La Società mineraria cercava di esercitare un certo controllo anche sul tempo libero degli operai.

Con questo scopo anche a Montevecchio fu attiva l’Opera Nazionale del Dopolavoro, fondata il 1° maggio del 1925: nel tempo libero la vita degli operai era scandita da attività organizzate dal regime. Venivano programmati saggi ginnici e campionati delle varie discipline sportive che permettevano di realizzare manifestazioni e parate. I vari gerarchi, con a capo il Direttore della miniera Minghetti, aprivano la parata.

La squadra di calcio Montevecchio aveva grande successo e veniva seguita da tutto il bacino Guspinese.

Nello stesso modo furono seguite le attività ciclistiche, podistiche e la scherma.

In questo tentativo di influenzare l’intera vita dei lavoratori fu anche creata la rivista “Il Minatore”, nata nel 1927 e pubblicata fino al 1936.

(fonte https://www.movio.beniculturali.it )

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *